• circovagando_verdeSITO.jpg
  • io-sono-toniolo-sito.jpg
  • VICENZA-SITO.jpg
  • treviso-sito-f.jpg
  • a-piede-libero-sito.jpg

CERCA LO SPETTACOLO

Calendario
Calendario
Cerca solo in:

NEWS!

 
TEATRO COMUNALE THIENE
La nuova stagione di prosa è arrivata!

A PIEDE LIBERO - MOGLIANO VENETO
Il festival di danza e arti performative è tornato!
Scopri tutti gli appuntamenti!

TEATRO TONIOLO - MESTRE
Online le stagioni 2014/15 di prosa, danza!!

 TEATRO COMUNALE MARIO DEL MONACO - TREVISO
Date un'occhiata alle nuove stagioni di prosa e danza!

TEATRO COMUNALE - VICENZA
La nuova stagione è già online! Take a look!

POMPIERI! CIRCOVAGANDO A CAMPONOGARA
Lo spettacolo viene rinviato, causa maltempo, a DOMENICA 19 OTTOBRE, ore 16.30 Teatro Dario Fo

 


star-32.png SCELTI PER VOI 

Claudio Bisio
FATHER AND SON


 

ispirato a Gli Sdraiati e Breviario comico di Michele Serra
regia Giorgio Gallione
Laura Masotto, violino | Marco Bianchi, chitarra
scene e costumi Guido Fiorato
musiche Paolo Silvestri
luci Aldo Mantovani
Teatro dell’Archivolto

(…) Bisio è aperto, cordiale, amichevole; ma mai ruffiano,
mai condiscendente. In più egli ha un’inclinazione, quasi un
pudore, nel tirarsi indietro al momento giusto, che fanno di lui
una presenza tanto ammirata quanto amata dagli spettatori.
Father and son gli sta alla perfezione.
Franco Cordelli, “Il Corriere della Sera”

“Father and Son racconta il rapporto padre/figlio radiografato senza pudori e con un linguaggio in continua oscillazione tra l’ironico e il doloroso, tra il comico e il tragico. È una riflessione sul nostro tempo inceppato e sul futuro dei nostri figli, sui concetti, entrambi consumatissimi, di libertà e di autorità, che rivela in filigrana una società spaesata e in metamorfosi, ridicola e zoppa, verbosa e inadeguata. Una società di “dopo-padri”, educatori inconcludenti e nevrotici, e di figli che preferiscono nascondersi nelle proprie felpe, sprofondare nei propri divani, circondati e protetti dalle loro protesi tecnologiche, rifiutando o disprezzando il confronto. Da questa assenza di rapporto nasce un racconto beffardo e tenerissimo, un monologo interiore (ovviamente del padre, verboso e invadente quanto il figlio è muto e assente) a tratti spudoratamente sincero.
La forza satirica di Serra si alterna a momenti lirici e struggenti, con la musica in continuo dialogo con le parole. La società dalla quale i ragazzi si defilano è disegnata con spietatezza e cinismo: ogni volta che la evoca, il padre si rende conto di offrire al figlio un ulteriore alibi per la fuga.
È una società ritorta su se stessa, ormai quasi deforme, dove si organizza il primo Raduno Nazionale degli Evasori Fiscali, si medita di sostituire al Porcellum il ben più efferato Sputum, dove non è chiaro se i vecchi lavorano come ossessi pur di non cedere il passo ai giovani o se i giovani si sdraiano perché è più confortevole che i vecchi provvedano a loro.
“Sei sdraiato sul divano, immerso in un accrocco spiegazzato di cuscini e briciole, il computer acceso appoggiato sulla pancia. Con la mano destra digiti qualcosa sull’iPhone. La sinistra regge con due dita un lacero testo di chimica. Tra lo schienale e i cuscini vedo l’avanzo di uno dei tuoi alimenti preferiti: un wurstel crudo. La televisione è accesa, a volume altissimo, su una serie americana nella quale due fratelli obesi, con un lessico rudimentale, spiegano come si bonifica una villetta dai ratti. Alle orecchie hai le cuffiette collegate all’iPod: è possibile, dunque, che tu stia anche ascoltando musica. Non essendo quadrumane, purtroppo non sei ancora in grado di utilizzare i piedi per altre connessioni… Ti guardo, stupefatto. Tu mi guardi, stupefatto della mia stupefazione, e commenti: “È l’evoluzione della specie”. Penso che tu abbia ragione.
Ma di quale specie, al momento, non ci è dato sapere”.
Michele Serra

Repliche in altri teatri:


Non perderti le ultime novità, resta in contatto con noi!