Il teatro delle note
FANTASIA SONORA

violini: Mario Mauro, Maurizio Daffunchio, Julia Geller, Federica Vercalli, Sabrina Fontana
viole: Diego Spagnoli, Sara Screpis
violoncelli: Micaela Milone
contrabbasso: Claudio Saguatti
violino solista concertatore Mario Mauro
flauto solista Sandu Nagy
Soprano solista Tania Bussi

Mario Mauro - violinista, nato a Torino ha studiato violino sotto la guida dei maestri Luigi Talamo e Lorenzo Lugli, perfezionandosi successivamente con C. Romano e P. Vernikov. Vincitore in diversi concorsi nazionali (1° premio Acada Endas di Genova, 1° premio Giovani Promesse di Taranto, 2°premio Petrini Zamboni di Cesena), ha suonato nell’Orchestra sinfonica della RAI e nell’Orchestra da camera di Torino anche in veste solista, è inoltre risultato idoneo ai concorsi nelle orchestre Haydn di Bolzano, del Comunale di Bologna e della Fondazione A. Toscanini della quale fa parte dal 1988. Ad una consolidata attività cameristica affianca quella di solista e 1° violino nell’Ensemble Il Teatro delle Note, complesso della Fondazione Toscanini, è inoltre membro del Wunderkammer Ensemble,  del Kairos Piano Trio e del Kairo String Duo.

Sandu Nagy -flautista rumeno, già I° flauto delle Orchestre Filarmoniche di Bucarest e Tg.Mures (Romania), stabilitosi in Italia (dove ha completato la formazione musicale nell’ambito dei corsi di perfezionamento di Lanciano), ha collaborato come I° flauto con l’Orchestra Sinfonica della RAI di Milano e dal 1986  ricopre il medesimo ruolo presso l’ Orchestra Sinfonica “A.Toscanini”.   Parallelamente svolge un’intensa attività interpretativa (concerti da solista con l’orchestra, recitals e concerti di musica da camera), sia in Romania che in Italia. Ha partecipato anche nella veste di solista a gruppi cameristici dell “Toscanini” in rassegne di musica contemporanea N.York,Venzia, Atene,Madrid e Parigi.

Tania Bussi –soprano, diplomata con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio "A. Boito " di Parma, ha studiato con Lucetta Bizzi e si è perfezionata con Raina Kabaivanska, Renato Brusson,  Luciana Serra.
E' vincitrice di prestigiosi concorsi internazionali : "Belli" di Spoleto, "AS.  LI. CO." , Città di Pistoia,  Primo Palcoscenico  ( Cesena ).
Inizia a cantare giovanissima come voce bianca a fianco di Raina Kabaivanska  (The turn of The screw, Britten - Teatro Comunale di Bologna, Modena, Opera di Roma, Zarzuela di Madrid ,  Alfredo Kraus  (Werther, Teatro Regio di Parma)
Dopo la vittoria del concorso "Belli " di Spoleto inizia la carriera di soprano lirico -leggero che la porta a interpretare tra gli altri i ruoli mozartiani di  Susanna (Le Nozze di Figaro al Teatro Magnani di Fidenza e Bunka Kaikan di Tokyo ) e Donna Elvira (Teatri di Como, Pavia , Reggio Emilia ), rossiniani di  Rosina  (Il Barbiere di Siviglia , Teatro Bonci di  Cesena ) e Fanny (La cambiale di matrimonio, Auditorium del Carmine, Parma), Adina ne L'elisir d'amore di Donizetti,  Violetta  ne La Traviata di G. Verdi , e i ruoli pucciniani di Lauretta  (Gianni Schicchi, Gran Teatro Puccini di Torre del Lago ) e Musetta (La Boheme al Teatro S. Nicolò di Spoleto, Morlacchi di Perugia, Emanuele di Messina ).
Molto attenta al repertorio cameristico, è una apprezzata interprete di lieder con il pianista Pierpaolo Maurizzi e con  l'arpista Lorenzo Montenz. Prima interprete di riscoperte moderne (Cleopatra di Cimarosa,  Le vicende amorose di Guglielmi ) e di opere contemporanee, ha riscosso un grande successo personale al Teatro del Maggio musicale a Firenze come protagonista dell'opera "Patto di sangue " di Matteo D'Amico.

L’Ensemble “IL TEATRO DELLE NOTE” è nato per merito di strumentisti (tutti professionisti della Fondazione Toscanini di Parma) che hanno voluto unire le loro importanti e svariate esperienze individuali di musica da camera e condividere la loro passione per il repertorio di una piccola formazione orchestrale. Il Complesso si avvale dell’apporto di prestigiosi direttori, solisti e attori (Alessandro Nidi, Mirella Freni, Lucio Dalla, Renato Bruson, Silvano Pantesco, Bruno Stori, Michele Pertusi, Cecilia Gasdia, Giuliano Amatucci e altri) che ne sposano con entusiasmo le linee ispiratrici di riferimento. Gli esiti degli spettacoli sono stati molto positivi e le varie esperienze dei programmi proposti sono state premiate da successo sia di pubblico che di critica. I programmi dell’Ensemble sono tutti pensati ed approntati all’interno dei componenti storici, seguendo filoni culturali stimolanti e spessi inediti. Tra le particolarità de Il Teatro delle Note, è rilevante la scelta di suonare abitualmente senza direttore, valorizzando così il lavoro di gruppo nell’approfondimento e nello studio. L'Ensemble ha inciso i CD "Note e parole contro la guerra" e "I sette fratelli non dormono mai", dedicato ai fratelli Cervi, "La principessa della luna" e "Christmas in the world", “Cento anni di passione”.