Compagnia Teatrale La Zonta
MERCURIO

di Amélie Nothomb
traduzione di Monica Capuani
con Chiara Dalle Carbonare, Giampiero Pozza, Anna Chiara Bassan
costumi di Riccardo Bernardele e Corrado Carollo
luci e Suoni di Nicola Meda
allestimento scenico e regia di Giampiero Pozza

All’indomani della fine della prima Guerra Mondiale una giovane infermiera viene incaricata dalla direttrice del suo ospedale di recarsi presso un misterioso castello, sorto su un’isola e raggiungibile soltanto in barca. Nonostante le inquietanti premesse accetta la mansione, ma si accorge ben presto che nulla è come appare e che nel castello tutti gli specchi sono stati distrutti… Non si può raccontare oltre dell’intreccio di Mercurio: il percorso per scoprire cosa stia accadendo veramente tra quelle mura sarà infatti per l’infermiera (e per gli spettatori con lei) ricco di colpi di scena, svolte inaspettate e terribili segreti svelati nei finali multipli allestiti dalla compagnia. Una favola adulta che nasconde alla sua radice una struggente storia d’amore.