Silvia Gallarano
LA LOCANDIERA O L'ARTE PER VINCERE

di Carlo Goldoni
con Silvia Gallerano, Claudio Botosso, Giorgio Careccia, Gianantonio Martinoni, Chiara Cavalieri, Eva Sabelli, Diego Florio, Giulio Maroncelli, Angelo Miele
scene di Lara Carissimi, Michelangelo Tomaro
costumi di Martina Eschini
disegno luci di Daniele Passeri
adattamento e regia di Stefano Sabelli
aiuto regia di Giulio Maroncelli, Eva Sabelli

Immersa tra giunchiglie e arboree di fiume, la Locanda “Vecchio Po” è una palafitta girevole che assume le sembianze ora di una nave corsara, ora di una casa di frontiera sospesa sull’acqua. Il clima da bassa Padania traina una fantasia visionaria, dove lucciole e lanterne si fondono in un caleidoscopio di luci, speranze e sospiri. Silvia Gallerano è Mirandolina, una Locandiera combattuta fra tradizione e femminilità emancipata, abile ma priva delle leziosità connaturate in genere al ruolo. Intorno a lei, mentre la radio trasmette mambo d’epoca e standard di Gleen Miller, un’umanità border-line: un clima di varietà e avanspettacolo invade l’atmosfera umida e languida della Locanda, che, come un carillon prende a girare a ritmo di swing o con il languore di un liscio.

 

Repliche in altri teatri: