SIGNORINA ELSE

di Arthur Schnitzler
traduzione di Enrico Groppali
con Federica Sandrini
adattamento e regia di Alberto Oliva


Signorina Else, grande classico della letteratura della Belle Epoque, denuncia un caso emblematico di proposta indecente ai danni di una ragazzina, perpetrato da un uomo maturo, ricco e potente. Else racconta le angosce e le paure, ma anche i sogni, le illusioni e le fantasie, di un’adolescente che avrebbe voluto un futuro diverso: un flusso di coscienza inarrestabile e pieno di sincerità, sofferenza, paura, senso di colpa, che ci accompagna a riflettere su un tema scottante vissuto dal punto di vista della vittima. Negli anni in cui sono scoppiati casi come lo scandalo Weinstein, questo testo del 1924 è di straordinaria attualità.

Repliche in altri teatri: