Rete degli istituti secondari di primo e secondo grado.
La rete si occupa della diffusione della cultura all'interno della scuola attraverso il teatro.

 LOGO_RETE_DEGLI_ISTITUTI_DI_I_E_II_GRADO.png

 Di seguito le presentazioni delle Lezioni Spettacolo proposte con il progetto Regione Veneto

 


FOSCOLO RELOADED

voglio una vita spericolata


racconto teatrale di e con Filippo Tognazzo
produzione Zelda

Foscolo è ancora attuale dopo quasi due secoli? È ancora capace di emozionarci e commuoverci? Certo, a patto di coglierne gli aspetti più vitali e profondi.
Foscolo Reloaded, è il racconto moderno, ironico e coinvolgente della vita spericolata di un uomo di lettere che non ha mai rinunciato alla propria libertà.
Frequentatore di salotti eleganti e di osterie, esaltatore di folle e uomo solitario, amante focoso, ma inaffidabile, Ugo Foscolo incarna nella sua forma più possente lo spirito romantico italiano. Un’esistenza piena di avventure fra peripezie, travestimenti, false identità, legami intensi e impossibili vissuta attraverso l’Italia e l’Europa a cavallo fra due secoli.
Foscolo viaggiatore, patriota, poeta, esule, amante: un uomo inquieto e straordinariamente vitale, in costante oscillazione fra eccessi, passioni, fughe, ispirazione neoclassica, titanismo ed equilibrio formale. Il ritratto di un poeta che ha trasformato la sua vita in una splendida e dolorosa avventura.

Con brani tratti da: Tieste, A Bonaparte Liberatore, Ultime lettere di Jacopo OrtisDei Sepolcri, Sonetti.

SCARICA IL TESTO


FOSCOLO_Revolutionary Ugo
racconto teatrale di e con Giacomo Rossetto
produzione Teatro Bresci

La noia incontrò il tedio e nacque Ugo Foscolo.
Quando ero seduto all’ultimo banco della mia classe del liceo questo era quello che pensavo del poeta di Zante.
Mi sono ricreduto.
Parecchio.
Dopo la scuola, dietro al letterato Foscolo autore di “Alla sera”, “A Zacinto”, “I sepolcri”, “Le ultime lettere di Jacopo Ortis”, ho scoperto il Foscolo uomo.
In fuga.
Da Zante a Venezia, da Venezia all’Italia napoleonica, da questa all’Inghilterra dove morirà. Ma più Foscolo resta catturato nei dilemmi dell’età della Rivoluzione, più gli si chiarisce un punto di riferimento ideale: l’eredità di bellezza e virtù che ci viene dalla classicità greco-latina.
Così la poesia assume una funzione civile insostituibile.
Il neoclassicismo diventa in lui prassi politica.
Nessuno davvero può dire dove per Foscolo finisca la poesia e cominci l’arte.
Dove l’universale ceda il passo alla realtà e viceversa.
Una vita in fuga, con un legame fortissimo con il mare.
Un uomo dalle grandi passioni (in primis le donne), altro che noioso.
Un uomo che ha vissuto, con una tensione costante, perenne, pungente.
Nulla è fermo in Foscolo, è senso e raziocinio, ragione e sentimento.
E’ un uomo dalla vita movimenta e avventurosa, raminga la definirà il poeta stesso.
Il suo fuggire costante è causato sia dal suo carattere irrequieto sia dalle vicende politiche del suo tempo.
Condensare la vita di Foscolo in un’ora di lezione-spettacolo vuol dire partire dalla Grecia, passando per Venezia, l’Inghilterra, incontrando amanti, Napoleone, soldati, austriaci, detrattori, fan, per arrivare a noi, ricordandone la grandezza e il fatto di essere tutto fuorché noioso.
Ecco che, conosciuto l’uomo, si scopre quanto l’intera sua opera sia traboccante di vita.

SCARICA IL TESTO


Le lezioni sono programmabili per tutto il 2018.

Per iscriversi al progetto, scaricare il form in a questo link, compilarlo con i propri contatti, l'ordine di preferenza della lezione e spedirlo via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , mettendo in copia gli indirizzi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.